S.P.: I voti dell’andata

Bazzanese – S.P. 2 – 0
dicembre 7, 2017
Valsamoggia Volley – Pol. Emilia
gennaio 19, 2018

E’ cosi, che trastullandomi le cervella,

Tra un litro di alcool e un chilo di cruda mortadella;

Mi ritrovai davanti a un pc, con l’occhio semichiuso,

A dare i voti di un semestre ormai concluso.

Pensai invano di essere meno stronzo,

Ma si sa, la verità viene fuori anche se non sei sbronzo;

Ma allora rivangai ogni partita ed allenamento,

Per dar i voti, non a sentimento.

E’ or giunto il momento di leggere codesto testo,

Con ancora la bocca che puzza di pesto;

Tra un colpo di buio e una barba tinta male,

Per una stagione, ancora tutta da giocare.

 

ATTENZIONE: COMMENTI NON ADATTI AI DEBOLI DI CUORE.

Ganza 5+: Come Babbo Natale viene una volta all’anno, ma ci regala perle di una altezza inarrivabile. Maluccio con i piedi, discreto con le mani tra i pali. Pessimo con le dita.

Lello 4++: Pessimo difensore e incolpevole portiere, colpisce la palla come se dovesse forarla da un momento all’altro. Piedi scolpiti da Mastro Ciliegia. Colabrodovic.

Tano 5,5: Mezzo voto in più perché deve giocare 4 partite al fianco di Lello che, si sa, fa più danni della grandine 2 giorni prima della raccolta. Anche lui ci va di umiltà e causa una dozzina di rigori, di cui solo 3 fischiati. Bene ma non Bartolini.

Mezzu 2: Come le volte che si è visto ad allenamento. Implacabile sotto torta, appesantito da matrimonio, lavoro, impegni fasulli, gite in Romagna, fiacca, causa anche lui un rigore contro un attaccante che di Immobile aveva solo l’aggettivo.

Beddo 6: Si presenta e dopo 9 secondi va in gol. Poi decide che per lui la stagione può dirsi conclusa e ogni volta che si trova nell’area avversaria uccide più uccellini che i cacciatori a novembre. Per fortuna gioca in difesa. Selezionatore.

Zano 5+: Difensore con discreti problemi di alcolismo, per lui mezzo voto in meno di Tano perché a lui i 12 rigori contro li fischiano tutti. Difensore di peso, ha il problema delle maglie che gli fanno difetto, alcune volte capitano ed altre capiZano.

Sulley 5+: Difensori di più che discreti problemi di alcolismo, passa da grandi galoppate in fascia a grandissime amnesie. Rosso di Sera.

Lanza 6: Quando ti chiedono se giochi nell’over 35 dove ci sono dei nonni, puoi rispondere di si, perché lui è nonno davvero. Gioca 3 partite poi decide di diventare donna. Scelte.

Memma NG: Gioca 2 spezzoni di partita, preso dagli impegni di 105. Lo aspettiamo per una diretta radiofonica. Mazzoli.

Ricky 5,5: Calciatore di altri tempi, nel senso quando gli altri sono passati, lui arriva. Con le bestemmie. Si infortuna in panchina. Pupillo del mister con cui condivide l’amore per la pizza d’asporto. Forse. Presenzialista.

Gaetano 6. Voto di stima, perché si riprenda. Tornerà più veloce di prima. Meno è difficile. Pistocchi.

Fanto 6: Come quelle macchinine telecomandate cinesi da 3 euro e 90, ha solo una marcia. Avanti. Infatti lui sta là davanti, aspetta la palla e crossa. Segna 2 gol e fa 3 assist, causa un autogol. Ma non parlategli della sua metacampo. Chi deve correre per lui, ringrazia.

Diaz 6: Si fa buttare fuori per proteste in una serata di nebbia gelida in culonia lasciando la sua squadra in 10 e già questo lo dovrebbe portare alla castrazione chimica, segna 2 gol contro la squadra del temutissimo Silvan, ne sbaglia alcuni, ma spesso gioca a destra e fa quel che può. Mezzo voto in più per il freddo patito da Mansell nelle partite casalinghe. Sollevatore di polemiche.

Ronny 6+. 2 presenze per capire che può dare un grande contributo alla causa. Omino Bianco, se nero non lo farebbe giocare, probabilmente. Sicuramente.

Bruzzi NG: gioca e si rompe subito. In panchina è più teso del mister quando gli si rompe il tappo del prosecco ed è l’ultima bottiglia rimasta in casa. Tensione.

Nacca 6: Parte a busso, poi lentamente si spegne. E’ come quelle fighe che la prima volta sembrano supergnocche, poi ti accorgi che hanno il push up, poi le calze contenitive, poi l’apparecchio, poi gli occhiali, poi una gamba di legno, poi il cazzo. Da recuperare.

Banna 6: Segna 5 gol e ne sbaglia il doppio, correre, non ha mai corso, ma i colpi ce li ha. Soprattutto di buio. Ha sempre qualcosa in serbo, una cimice, ad esempio.

Mocio 6,5: Tre partite e 5 gol subito, poi smette di segnare. Corre tanto, cala nelle ultime partite. Votato da Ryan Air come viaggiatore dell’anno, decide di passare il Natale con umiltà ai Caraibi. Pirata.

Tibe 6: Rapporto minuti-km percorsi-minuti giocati incredibile. 180 minuti giocati, 27 metri di corsa, 3 gol. Serial griller. Da ricordare la sua ottima prestazione nei panni di Moser. Ciclo-Ne.

Denis NG: Ottimo nelle vesti di Pres, un po’ meno in quelle di esterno d’attacco con la propensione per il tocco di esterno. Per lui, da ricordare, alcune sgroppate per il campo che caprioli spostatevi che sto arrivando io. Cedriolo.

Calci NG: si rompe a leccare il francobollo da mettere nella busta da mandare all’INPS per l’autodichiarazione di invalidità. Aiutatelo.

Ghedo NG: Alcune presenze ad allenamento poi si rompe.

Piroddi NG: Presente a cena, lo aspettiamo presto. Tamburino Sardo.

Teto, Paolo, Paolino. 1 presenza per il primo dopo millemila anni di assenza, zero per gli altri due. Pagatori di quota.

Trevisanello 10++++++++++: Di imprinting leggerissimamente supremazionista bianco, sa a memoria l’Iliade, la Divina Commedia, I Promessi Sposi, i risultati di tutte le partite di serie A dal 1921, le presenze in serie D di tutti quelli che si chiamano con la T, i rimbalzi d’attacco di tutti i giocatori dell’NBA, ha scoperto Messi, sa i segreti dei cantanti e come canta lui non canta nessuno, non dorme, non mangia. Ma beve. Rischia il suicidio con una mossa di Karate che neanche Daniel San. Imbalsamatelo.

Vi lascio con una esibizione del Mister.

Fate i bravi. Quelli dei promessi sposi, chiaramente.

#Perez